Home » Garmin Edge 530: il Gps che valuta lo stile di guida!
Home » Ciclocomputer » Garmin Edge 530: il Gps che valuta lo stile di guida!

Garmin Edge 530: il Gps che valuta lo stile di guida!

garmin 530

In questo post vi parlo di un nuovo computer per bici di Garmin, produttore top dei dispositivi GPS per lo sport. La proposta di Garmin per gli amanti delle due ruote è stata ampliata quest’anno con due nuovi modelli, il Garmin Edge 830 ed il Garmin Edge 530. Questi dispositivi portano delle importanti novità per la valutazione dell’abilità di guida del Biker che lo utilizza, sia dei sentieri che andremo a percorrere. In questo articolo vi parlo del 530, sia per il suo prezzo più contenuto, sia per il fatto, come indicato dalla stessa Garmin, che si tratta del modello più orientato per l’uso in Mountain bike.

Iniziando da un puro aspetto estetico, il Garmin Edge 530 ha una forma più aerodinamica (molto più sottile) e moderna aspetto al vecchio Edge 520. Il suo display è più ampio e ha una ottima visibilità, sempre rispetto al suo predecessore. E’ gestito unicamente da pulsanti “fisici”: non ha infatti il display touch screen, caratteristica questa del modello superiore Edge 830. Ora passiamo a vedere le principali potenzialità del Garmin Edge 530. Altra cosa molto interessante da sapere è sui nuovi sensori esterni in dotazione. Se si prende il Garmin Edge 530 dotato di sensori cadenza e fascia cardio, questi saranno del modello nuovo, cioè con trasmissione dati sia in modalità ANT+ che Bluetooth smart.

Come funziona la navigazione sul Garmin Edge 530

Il Garmin Edge 530 è sostanzialmente un dispositivo GPS “segui traccia”. Si possono inserire tracce GPX da seguire, oppure ovviamente ripetere percorsi già eseguiti. Non permette di calcolare tracciati in modo autonomo, come fanno gli Edge 820 ed Edge 830 e 1030. Pertanto se doveste uscire dalla traccia del un percorso che state seguendo, vi indicherà di ritornare indietro facendo una inversione, per poter ritornare nella traccia prestabilita. Ovviamente se prima di esso si possedeva un dispositivo gps che era un navigatore vero e proprio, questo potrebbe risultarci abbastanza limitativo o frustrante, se invece sapete già come funziona un dispositivo segui-traccia, non avrete alcun problema a farvi guidare da esso!garmin edge 530

Climb PRO: mi mostra una panoramica delle salite che devo affrontare

Molto bella la funzione ClimbPRO, una schermata grafica che si prensenta automaticamente all’inizio di ogni salita e indica: distanza, pendenza, altimetria e tratti più o meno importanti. Inoltre indica quante salite ci sono sul percorso specificando, ad esempio, che sei sulla terza salita di cinque presenti sull’itinerario!

Il GRIT, la difficoltà dei nostri sentieri: cos’è e come funziona

Il valore GRIT, è a tutti gli effetti una scala di difficoltà dei tracciati o dei percorsi che stiamo per percorrere. Con esso infatti potrò sapere in anticipo il livello di difficoltà del tracciato che andrò ad affrontare. Molto importante è sapere che tale valore sarà indipendente dalle capacità di chi guida: non viene valutata la capacità di portare la bicicletta, ma esclusivamente il tipo di percorso. Anche se un percorso viene eseguito da 10 rider diversi, il valore del Grit sarà dunque sempre lo stesso. Questo è possibile grazie ai nuovi sensori che sono stati integrati nel Garmin Edge 530 ed anche ovviamente al software del dispositivo che lavora insieme con essi. Da dire che, ovviamente si tratta di una funzione che è disponibile solo nella modalità Mountain Bike, se selezioniamo un profilo per bici da strada questa funzione non è disponibile.

La funzione Flow: il nostro stile di guida è davvero fluido?

Chi và in mountain bike probabilmente lo ha già sentito diverse volte. Il Flow è il termine con il quale si valuta quella capacità di portare la bici sempre in maniera fluida e regolare. Ovviamente le incertezze nella guida (che possono essere frenate brusche, stop nella marcia o simili) vanno a penalizzare quello che è l’andatura più fluida. Una maggiore capacità di guida ovviamente riduce questi episodi. Quindi con il valore del Flow Garmin intende dare al rider un parametro che mostra come sta guidando la bicicletta. Naturalmente il valore di Flow è disponibile non solo per la discesa ma anche per la salita in quanto è importante saper guidare con fluidità anche durante la salita. Anche la funzione Flow come la Grit è disponibile solo per profilo bici Mountain Bike.

garmin edge 530

Integrazione con l’ App Trailforks

Ottima è l’integrazione della App Trailforks, (a mio parere una App da avere assolutamente anche su smartphone!) che permette di visualizzare i percorsi e i sentieri per la Mountain Bike che ci circondano, ovvero presenti nelle vicinanze della zona in cui mi trovo. Inoltre, me li mostra con diversi colori, per dividerli in base al livello di difficoltà, così so sempre cosa mi aspetta. La sua funzione più interessante  è Forksight, un pop-up mi compare sul display del Garmin Edge 530 quando ci si ferma all’avvicinarsi di un bivio, dove si aprono più alternative di sentieri da poter prendere. Ci suggerirà appunto quale prendere mostrandoci in anteprima con colori differenti le alternative con le relative difficoltà.

Batteria espandibile

Il Garmin Edge 530 ha la batteria che ha una durata di 20 ore. Tuttavia essa è espandibile al Garmin Charge External Battery, la batteria di espansione di Garmin, in quanto anche il 530 ha i pin metallici di alimentazione sulla scocca posteriore, che permettono di connetterlo e si avrà una durata maggiore, come sui modelli superiori 830 e 1030. Qui sotto puoi vedere come si aggancia. Il pacco batteria extra si fissa proprio sotto al supporto da manubrio:

Integrata la connessione alla luce Garmin Varia

Anche il Garmin Edge 530 permette la connessione alla luce posteriore di Garmin, il Varia. Una barra laterale sul largo display del 530 permette di gestirla, anche se con meno funzionalità rispetto ai modelli più avanzati, come avevo avuto modo di provare con il “vecchio” Garmin Edge 820: questo’ ultimo la gestiva in modo diversificato e più “intelligente” soprattutto di giorno, quando non era necessaria.

Prendere il Garmin Edge 530 oppure l’ 830?

Tralasciando altre funzioni minori, se tu vuoi disegnare il tuo itinerario ed usare il Garmin come vero e proprio navigatore con ricerca per indirizzi, solo il modello superiore Edge 830 sarà in grado di assecondare alle tue esigenze, potrai creare a tuo piacimento nuovi itinerari con i vari livelli di difficoltà che potrai scegliere, e ovviamente avrai la garanzia di affrontare percorsi sempre affidabili. Se tutto ciò non ti è necessario puoi prendere tranquillamente il modello 530: assolutamente affidabile e con tantissime funzioni perfette per divertirti con la mountain bike e la e-mtb.

Se hai provato anche tu l’ Edge 530 o il più potente Ege 830 condividi con noi le tue esperienze commentando il nostro post!

Poi per rimanere sempre aggiornato sui nostri prossimi post ti invito a seguire le nostre pagine sui social e ad iscriverti alla nostra newsletter!!

Se questo articolo ti è piaciuto, puoi trovare altri articoli che ti possono interessare, come quelli sui modelli della Bryton, ovvero il modello Bryton Rider 420, oppure il modello Bryton Rider 860.

Se hai domande, o se desideri chiedere un Post futuro su un determinato argomento, non esitare a lasciare un commento.
I tuoi commenti mi rendono felice!

Commenti Facebook

La bici è la tua passione?

Unisciti a più di altri 1.000 ciclisti e ricevi utili consigli per ottenere il meglio dalla tua bici.

Pedalare non sarà più come prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su